Martedì
30 Settembre 2014
Primo Quarto
Santo del giorno
san Girolamo dottore della Chiesa
Evento del giorno
James Dean.

Ricongiunzione


Con la ricongiunzione si ha la possibilità di ricomporre i periodi di assicurazione maturati dal lavoratore in diversi settori di attività. Lo scopo è quello di ottenere un'unica pensione calcolata su tutti i contributi versati. La ricongiunzione può essere chiesta dai lavoratori dipendenti pubblici e privati e dai lavoratori autonomi, che hanno contributi in diversi settori di attività o dai loro superstiti.

La domanda

Quanto costa

Quante volte

La ricongiunzione per i liberi professionisti

La ricongiunzione per gli eredi

 

La domanda

Per l’Inps deve essere presentata
presso il Fondo di previdenza dei lavoratori dipendenti gestito dall'Inps per:

  • periodi assicurativi versati in altre forme obbligatorie di previdenza (Inpdap, Fondi Speciali ecc.);
  • periodi assicurativi prestati come lavoratore autonomo (coloni, mezzadri, coltivatori diretti, artigiani e commercianti) purché l'interessato abbia almeno 5 anni di contributi versati come dipendente immediatamente prima della domanda;
  • periodi assicurativi presso le Casse dei liberi professionisti (avvocati, medici, ingegneri ecc.).

Per l’Inpdap deve essere presentata
all'Ufficio Provinciale Inpdap, indicando la Sede Inps dove è giacente la contribuzione (non esistono termini di decadenza e l'Inpdap può effettuare anche d'ufficio tale tipo di ricongiunzione). Se si è dipendenti statali la domanda va presentata al proprio ufficio di appartenenza.
L'Ufficio Inpdap competente (o la propria amministrazione se si è dipendenti statali), ricevuta la domanda ed acquisiti i periodi di contribuzione dall'Inps, comunicherà all'interessato l'avvenuto riconoscimento,

 

Quanto costa

Presso l'Inps

  • è gratuita nel caso di ricongiunzione da lavoro dipendente;
  • è a carico dell'interessato nel caso di ricongiunzione da lavoro autonomo.

Presso un'altra Cassa o Istituto pensionistico

è a carico dell'interessato.

Presso l’Inpdap

la ricongiunzione può essere gratuita o onerosa:

Ricongiunzione gratuita dei periodi contributivi Inps art. 8 Legge 29/79 e art. 2 Legge 482/88

Cosa consente
Consente di ricongiungere in forma gratuita le posizioni contributive maturate presso l'Inps.

Destinatari
Riguarda tutti i dipendenti che a seguito della soppressione dell'ente disposta con legge dello Stato o della Regione siano poi stati collocati presso un ente iscritto all'Inpdap nonché quelli previsti dall' art. 2 della L. 482/88 comunque soppressi.

Requisiti
Per la ricongiunzione gratuita i requisiti richiesti sono i seguenti:

  • soppressione con legge statale o regionale dell'ente pubblico, già datore di lavoro del lavoratore interessato;
  • collocamento d'ufficio presso altro ente iscritto all'Inpdap del personale già dipendente dell'ente soppresso.

Ricongiunzione con oneri dei periodi ex art. 2 legge 29/79

Cosa consente
La ricongiunzione onerosa, ai fini di un unico trattamento di pensione, di tutti i periodi di contribuzione obbligatoria, volontaria e figurativa presenti nell'assicurazione generale obbligatoria o in altre forme alternative o nelle gestioni speciali per i lavoratori autonomi gestite dall'Inps .

Destinatari
Sono i lavoratori dipendenti; nel caso di lavoratore deceduto, i destinatari della legge sono i superstiti aventi diritto alla pensione indiretta.

Requisiti
È richiesto un minimo di iscrizione all'Inpdap di un anno per i lavoratori non di ruolo; se si tratta di ricongiunzione dei periodi di contribuzione presso le gestioni speciali dei lavoratori autonomi (cioè coltivatori diretti, artigiani ed esercenti attività commerciali), il minimo di contribuzione obbligatoria non può essere inferiore a cinque anni. Non sono ammesse ricongiunzioni parziali né rimborsi in favore dell'interessato.
I lavoratori hanno diritto alla liquidazione della pensione in base ai contributi versati nelle varie gestioni previdenziali, calcolate ognuna con la normativa vigente per ciascuna gestione. Il cumulo è a titolo gratuito.

 

Quante volte

La ricongiunzione può essere chiesta, in linea di massima, una sola volta.
Può essere chiesta una seconda volta se il lavoratore può far valere, successivamente alla prima ricongiunzione, 10 anni di contributi di cui almeno 5 di lavoro effettivo, altrimenti al momento del pensionamento e solo presso la gestione nella quale era stata effettuata la precedente ricongiunzione.


La ricongiunzione per i liberi professionisti

Presso INPS

La legge 45/1990 ha introdotto la possibilità di ricongiungere le posizioni assicurative esistenti all'Inps, o in forme di previdenza sostitutive, con quelle costituite presso le varie casse di previdenza dei liberi professionisti.
La ricongiunzione è pagata dall'interessato. La sentenza 61/1999 della Corte Costituzionale ha però stabilito che i liberi professionisti hanno la possibilità di totalizzare gratuitamente i periodi assicurativi esistenti presso più gestioni nel caso in cui non raggiungano il diritto alla pensione in alcuna di esse. Ogni gestione, secondo il principio del "pro-rata", paga la pensione sulla base dei contributi versati presso di essa.

Presso Inpdap

Ricongiunzione onerosa dei periodi assicurativi maturati presso i regimi previdenziali per i liberi professionisti legge 45/1990

Cosa consente
La ricongiunzione onerosa di tutti i periodi di contribuzione maturati presso gli enti previdenziali dei liberi professionisti e viceversa.

Destinatari

  • gli iscritti all' Inpdap in qualsiasi momento dell'attività lavorativa;
  • i liberi professionisti che vogliano ricongiungere verso la propria gestione previdenziale periodi assicurativi riconosciuti presso l'Inpdap;
  • i superstiti degli interessati entro il termine perentorio di due anni dalla data di morte in attività di servizio dell'iscritto o del libero professionista, avvenuta dopo il 9 marzo 1990.

 

La ricongiunzione per gli eredi

Nel caso in cui l'assicurato muore durante il pagamento della ricongiunzione, bisogna distinguere i seguenti casi:

  • se gli eredi hanno diritto alla pensione ai superstiti e l'onere di ricongiunzione è determinante ai fini del calcolo della pensione, l'Inps effettua il recupero del residuo debito;
  • se gli eredi non hanno diritto alla pensione ai superstiti, oppure i contributi per la ricongiunzione non sono determinanti per il calcolo della pensione, l'Inps non effettua il recupero del debito residuo.
Cerca: